Uno squarcio sulla guerra

di Lorenzo Bianchi

Il Resto del Carlino / La Nazione / Il Giorno
19 agosto 2008

Uno squarcio sulla guerra. Gli orrori del conflitto, nella loro spoglia crudezza, vengono direttamente dal campo e da una Osseta del Sud, Svetlana Kozaeeva, 45 anni, originaria di Tskhinvali, laureata in Lettere all’Università di Mosca, poliglotta, grande appassionata dell’Italia.
“”Con mio fratello Ruslan, 43 anni, commerciante di prodotti alimentari, siamo arrivati in auto a Tskhinvali alle 17 circa dell’undici Agosto. Avevamo già visto tre cadaveri abbandonati lungo la strada. Sapevamo che nell’attacco erano morti mio cucino Dimitri, 40 anni, e mia zia Anna Zaseeva, di 73. Dall’alto ci si è parata davanti agli occhi una città fantasma, un mare di macerie e di palazzi distrutti. Ho visto mio fratello piangere, non era mai successo.
La prima immagine che mi è rimasta scolpita negli occhi è quella di una carcassa di auto, consumata dal fuoco al punto che non si riusciva più a leggere la targa. Vicino c’erano quattro corpi carbonizzati, due erano piccolissimi”.
Svetlana e Ruslan raggiungono la casa della zia. “Volevo partecipare ai funerali, ma il cimitero era completamente distrutto. L’hanno seppellita nel cortile, come molti altri. Qualcuno, più fortunato, è finito nel giardino di casa. Mia nipote Elina, 26 anni, mi ha raccontato che si erano nascosti in cantina in dieci. Sono sopravvissute solo sei persone. L’attacco iniziale è durato 24 ore, senza un minuto di pausa. I carri armati georgiani passavano da una casa all’altra e sparavano uno, due, tre colpi in direzione degli scantinati. Sapevano che lì era rintanato chi non era riuscito a fuggire: bimbi, donne e anziani. Il rifugio di mia zia e di mia nipote non è stato risparmiato. Sono rimasti chiusi nel sotterraneo per tre giorni e tre notti, vegliando i quattro cadaveri che cominciavano a puzzare. Fuori c’era un gran caldo, fra 32 e 34 gradi. Non avevano né luce, né acqua, né cibo. L’unica compagnia era una tribù di topi. Ma erano terrorizzati dall’idea di mettere fuori il naso”. Perchè? “Un’anziana signora della quale ricordo il nome, Maria, stava scappando con i suoi due nipotini. Un tank georgiano li ha raggiunti e schiacciati. Capisce? Non si è preso neppure la briga di sparargli. Mi hanno raccontato che a Muguti, a dieci chilometri dalla capitale, la popolazione si era rifugiata nella piccola chiesa. Due carri georgiani hanno aperto il fuoco. I morti sono stati dodici”.
Svetlana è tornata a Mosca alle 14 del 13 Agosto. Il marito è ancora nella capitale dell’Ossezia del Sud. “Le cantine – rabbrividisce – sono piene di cadaveri. E’ stata una pulizia etnica. I Georgiani sono arrivati a livelli che non hanno toccato neppure i Tedeschi nella seconda guerra mondiale. La CNN e la BBC trasmettono immagini di Tskhinvali e dicono che vengono da Gori. Ho riconosciuto con i miei occhi un falso. In un servizio da Gori c’era una strada della mia città di origine, quella dedicata agli Eroi, la via “Geroev”. Perchè i media occidentali giustificano il presidente georgiano Mikhail Saakashvili e il suo regime criminale?”.

Fonte: GenerazioneEuropa

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: